Agenzie VS Aziende

ATV_devil

Ero a cena con amici di amici che non avevo mai incontrato prima e, nel bel mezzo delle conversazioni di circostanza che di solito aiutano a rompere il ghiaccio, ho provato l’ebrezza di vedere l’orrore e il disgusto nei loro occhi quando mi hanno chiesto che lavoro facevo.

“Che brutto. Come fai a dormire di notte?”

Wow. D’accordo.
Devo ammettere che, leggendo i commenti di molte persone su LinkedIn, avevo capito che l’HR non è il mestiere che una madre sogna per i propri figli*… ma davvero la mia professione gode di questa fama sinistra? E perché tanto odio?

Tanto per cominciare, a mio avviso, si fa una amalgama pericolosa tra Recruiter di agenzia e HR aziendale. E qui gli stereotipi si accumulano. È utile anche per chi cerca lavoro fare un passo indietro e capirne le differenze. Vediamo quali sono.

Il Recruiter d’agenzia

Le agenzie (interinali e non) sono considerate il male per diverse ragioni, ma prima fra tutte il fatto che sembrano trarre vantaggio dalla disperazione altrui.

Le persone che lavorano per le agenzie hanno fama di essere arroganti, invadenti e finalizzati a una sola cosa: la commissione che guadagneranno nel momento in cui l’azienda cliente assumerà il loro candidato. Per questo motivo, valorizzano una sola persona e buttano nella spazzatura tutti gli altri.

Cosa c’è di vero?
L’ambiente di lavoro di un recruiter d’agenzia è molto competitivo: oltre a dover selezionare il personale, si trova spesso in prima linea nel procacciare i clienti (ovvero le aziende). Si tratta quindi di un mestiere più orientato alla vendita.

Inoltre, si ritrovano a dover selezionare del personale anche in ambiti professionali che non conoscono molto bene: il candidato potrà avere l’impressione di essere “giudicato” da uno che non capisce nulla del suo lavoro (e a volte è così).

Qual è l’aspetto positivo?
In generale sono persone che gestiscono molti clienti e vedono moltissimi candidati: questo dà loro una visione abbastanza precisa (e a volte disincantata) del mercato del lavoro. Onestamente, se un recruiter d’agenzia prende il tempo di darvi un consiglio, io lo ascolterei (ad esempio su un cambiamento da fare al vostro CV).

Inoltre, se vi prendono in simpatia e/o considerano che il vostro profilo sia interessante, vi contatteranno spesso, per ogni posizione che si apre.

L’in-house recruiter (HR aziendale)

A partire da una certa dimensione, le aziende hanno un servizio di selezione del personale interno. Gente come me, per intenderci, che magari non fa solo selezione ma ha anche altre mansioni HR.

Gli HR aziendali sono conosciuti per essere pigri, senza nessun senso dell’urgenza e contenti di aver messo i piedi al caldo, fuggendo dalle agenzie di selezione interinale dove si lavora davvero. La gente li odia per gli stessi motivi per cui odia i recruiter, ma in più perché spesso si occupano anche di licenziamenti. Ci riconoscerete facilmente, perché abbiamo un solo occhio e denti affilati…

Cosa c’è di vero?
I denti affilati, metaforicamente, spesso ce li hanno, perché per sopravvivere in azienda ci vuole parecchio senso politico e anche un po’ di capacità di muoversi. È anche vero che possono occuparsi di licenziamenti, ma spesso si occupano anche di formazione, sviluppo dei talenti, e di tante altre attività più valorizzanti.

Qual è l’aspetto positivo?
Conoscono l’azienda e conoscono il business, anche tecnicamente. Ciononostante preferiranno sempre lasciare alla linea il compito di verificare le competenze tecniche, e si concentreranno più che altro sulle competenze personali del candidato.

Per le stesse ragioni, hanno una visione di insieme dei percorsi di carriera a corto e medio termine e potrebbero pensare a un’altra opportunità mentre vi intervistano per un lavoro diverso. Mi è capitato di assumere qualcun altro e poi, dopo alcune settimane, richiamare un candidato che mi era piaciuto per proporre un’altra posizione che, nel momento del colloquio, non era disponibile.

 

*e per chi se lo domandasse, pare che il mestiere dei sogni per i propri figli, in Italia, sia il calciatore per i maschietti e la velina per le femminucce. Ecco.

Annunci

Un pensiero su “Agenzie VS Aziende

  1. Non sono più purtroppo una giovane al primo impiego e ultimamente sto frequentando più recruiters di agenzie che di quelli aziendali. Molti di quelli che ho incontrato potrebbero essere miei figli ma questo non qualifica se non l’impreparazione, almeno per quanto riguarda il mio lavoro. Molti sanno poco o niente di quello che implica l’industrializzazione di un prodotto e quindi se non capiscono cosa faccio come fanno a trovarmi un impiego?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...